Ti trovi in:

Home » Territorio » Luoghi e punti di interesse » Cosa puoi visitare

Cosa puoi visitare

di Lunedì, 04 Marzo 2013 - Ultima modifica: Mercoledì, 25 Marzo 2015

Cosa puoi visitare a Terragnolo e dintorni

La Chiesa dei SS. Nicolò e Colombano si trova nella frazione di S. Nicolò.

La Chiesa della Madonna del Buonconsiglio si trova nella frazione di Scottini.

La Chiesa della Madonna del Carmine si trova nella frazione di Valduga.

Immagine decorativa

La Chiesa della Madonna di Caravaggio si trova nella frazione di Geroli.

La Chiesa dell'Immacolata Concezione si trova nella frazione di Zoreri.

Immagine decorativa

La chiesa di Santa Maria Maddalena, conosciuta per gli affreschi trecenteschi in essa conservati, sorge con orientamento a est su un colle che sovrasta la frazione di Puechem ed è raggiungibile a piedi attraverso due sentieri boschivi che partono dalle frazioni di Zencheri e di Maureri.

Immagine chiesa passo Borcola

Da una zona selvaggia e solitaria, domina la valle, sullo sfondo del Pasubio: è la chiesetta della Borcola. E' stata costruita per iniziativa del gruppo A.N.A. di Terragnolo, presidente Luigi Valduga, promotore e coordinatore. Fu costituito un Comitato; il Comune di Terragnolo, proprietario di Malga Borgola, concesse l'autorizzazione per edificare la chiesa nei prati del passo; il goem. Dario Folgarait predispose il progetto.

La Chiesetta di S. Giuseppe si trova nella frazione di Geroli in località Mas.

La Chiesetta di S. Rocco si trova nella frazione di Puechem.

Immagine decorativa

La malga offre piatti nostrani nei giorni festivi di luglio e agosto

Immagine decorativa

La malga offre piatti della cucina tradizionale trentina (tra cui polenta, sopressa, tosella e formaggi di produzione propria) nei mesi estivi da giugno a settembre

Logo

Verso il centenario della prima guerra mondiale
Al castello di rovereto la mostra “pasubio 1915-1918” allestita dal museo della guerra

A pochi passi da Maso San Giuseppe a Terragnolo, viene riaperta al pubblico la segheria veneziana del Settecento ristrutturata con l'intento di valorizzare l'identità culturale e il patrimonio storico locale. Testimone di antichi mestieri e antiche fatiche, offre a quanti la visitano emozione e curiosità. E' posta vicino al torrente Leno che, grazie alle sue acque, ne permette ancora oggi il funzionamento.